Un tè con… i genitori di Mikhail Khodorkovskij

Mentre a Mosca sono in atto nuove manifestazioni contro le discusse rielezioni politiche di Vladimir Putin, vi inizio a raccontare del mio viaggio e dei miei incontri, tra cui quello con i genitori di Mikhail Khodorkovskij, l’ex capo del colosso energetico russo Yucos arrestato nel 2003 con l’accusa, ufficiale, di frode. Secondo i suoi sostenitori e molti osservatori internazionali, il carcere sarebbe piuttosto la punizione, inflittagli da Putin, per aver sostenuto i politici dell’opposizione, anche con dei fondi.
Khodorkovskij ha subito due successivi processi. Nel primo, la pena era di otto anni, ma nel 2005 la corte ha deciso che il condannato sarebbe dovuto rimanere in carcere 6 anni in più rispetto alla prima sentenza. Insieme al capo della Yukos, sono stati imprigionati il suo socio Platon Lebedev e altri membri dello staff per un totale di 32 persone.

Noi abbiamo conosciuto i genitori del magnate russo, Marina Filippovna e Boris Moiseevich, che ci hanno accolto nella scuola per orfani e bambini coinvolti in attentati terroristici (vi ricordate la strage di Beslan?) che gestiscono dal giorno dell’arresto del figlio. Dopo un giro della struttura, ci hanno fatto sedere in una saletta e ci hanno offerto un tè, un English Breakfast, il mio primo tè a Mosca.

A parlare è stata soprattutto Marina (vedi foto) che ha raccontato come il figlio vive in prigione (può fare una telefonata di 15 minuti ogni sabato per parlare con genitori, figli, famiglia; possono andarlo a trovare una volta ogni due mesi e ora, per fortuna è stato trasferito in un carcere più “vicino” a Mosca rispetto alla precedente cella a Čita, oltre 6000 km dalla capitale), e dell’importanza della pressione internazionale perché solo così Mikhail rimarrà in vita.

Secondo i genitori non sarà facile rivedere Mikhail Khodorkovskij di nuovo libero. Speravano in un’azione dell’ormai ex presidente russo, Dimitry  Medvedev, esponente dell’area più liberare del partito di Putin, ma non ci sono stati risultati. Almeno finora. Lunedì il Cremlino ha annunciato una verifica sulla validità della sentenza del caso Khodorkovskij. Il comunicato spiega che la decisione è la conseguenza dell’ incontro del 20 febbraio con l’opposizione.

Chissà…

Annunci

Un pensiero su “Un tè con… i genitori di Mikhail Khodorkovskij

Grazie! Ci vediamo al prossimo tè :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...