La cerimonia del tè in Marocco

the maroccoCon l’aiuto di Mariagrazia che mi ha prestato il libro Il fastoso Marocco di Rita El Khayat ho scoperto molto di più sulla cerimonia del tè in questo Paese. Conoscevo il loro fantastico tè alla menta ma ora so molto di più e voglio raccontarvi tutto…

Partiamo dall’inizio: il tè è arrivato in Marocco grazie agli inglesi nel 1854. Prima si bevevano infusi di menta e di assenzio mentre oggi il tè è presente in tutte le case. Ci si ritrova seduti su sofà, cuscini e materassi bassi e si sorseggia tè o caffè. In particolare a Rabat, seconda città del Marocco, di solito si beve un tè leggero a colazione e uno più forte a metà mattina insieme a dolcetti e biscotti leggeri. Il tornava a essere presente a fine giornata insieme a dolci più pesanti come il Kaab el ghzal a base di farina bianca, farina di mandorle, uova, burro, cannella e acqua di fiori d’arancio.
Il tè è poi un classico in abbinamento ad alcuni piatti come il Khlii-bel-bed (carne affumicata e uova) o le Rghayf (tipo crespelle).

the mentaTorniamo alla cerimonia del tè… il tè viene preparato e presentato da un cerimoniere, così come si fa anche con il matè argentino. Può essere il padrone di casa o un invitato particolare a compiere questa funzione. Il tutto viene fatto davanti ai partecipanti in modo che possano seguire tutte le fasi e lasciarsi incantare dal profumo del tè, della menta, dello zucchero, ma possono anche esserci anche assenzio, salvia o basilico. L’acqua viene tenuta in caldo nel tipico samovar marocchino chiamato babor.
Il cerimoniere lava la teiera, lava e asciuga le foglie di tè e quelle di menta. Versa la giusta quantità di tè e di menta, aggiunge l’acqua appena raggiunto il bollore e infine lo zucchero e lascia riposare. Infine mescola con un cucchiaio d’argento e versa l’infuso nel suo bicchiere per assaggiarlo. Poi versa del tè in un bicchiere di vetro trasparente per controllare il colore del tè e se è soddisfatto del risultato versa il contenuto agli invitati tenendo la teiera in alto, ben distante. Se si forma una schiumina su ogni bicchiere (sono appoggiati rigorosamente su un unico vassoio) vuol dire che il cerimoniere ha fatto un buon lavoro.

Annunci

Grazie! Ci vediamo al prossimo tè :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...